Sostenibilità e creme: scherzi cosmetici sporchi o lo scherzo dei cosmetici green

Con la scusa dell'Earth Day vogliamo raccontarvi il nostro punto di vista 100% personale, soggettivo e protetto dall'autorità che la nostra nepe ci dà a riguardo:

  • L'industria cosmetica ha un problema in sospeso con la sostenibilità

  • Molti brand, con la scusa della sostenibilità, si spingono troppo oltre e giocano a ludo (ne mangiano uno e ne cantano 20) apposta (per vendere di più) o, molto peggio, perché finiscono per credere alla propria storia di salvezza tipo Captain Planet
  • Che finisce per lasciare tutti noi che facciamo le creme cattive perché la gente diffida

  • Crediamo (e predichiamo) in una sostenibilità più di lerele che di lilili, di azioni brevi che di adesivi urlati in barca, di impatto e non di slogan,... sostenibili e non INsostenibili

L'industria cosmetica (e, in generale, tutto ciò a cui è associata la parola 'industria') INQUINA.

È così. Nel caso dell'attività di marchi come il nostro, ecco i primi 5 nemici che infastidiscono di più Madre Terra:

  • Produzione plastica. 📦 Si stima che l'industria cosmetica produca 120 miliardi di contenitori e imballaggi in plastica non riutilizzabili all'anno, oltre ad altri gadget come applicatori, spugne, tubetti...

  • Produzione di CO2. 💨 Se fai e muovi cose, produci CO2. Nella cosmesi che spazia dagli ingredienti, al packaging, al trasporto a casa tua...

  • Consumo d'acqua. 💦 Non è solo la quantità di acqua che finisce nella tua crema idratante, ma i litri che vengono utilizzati per coltivare ingredienti 'naturali', nelle fabbriche,...

  • colture intensive. 🌱 Ci sono ingredienti che, per quanto naturali ed ecofriendly possano sembrare (karité, olio di rosa, bakuchiol) fanno enormi danni alla mamma Terra sfruttando il suolo oltre le sue possibilità.

  • E l'ingrediente più tossico di tutti: il greenwashing.

Il verde è il nuovo nero (o io sono verde a causa della postura)

Bene quello. Che dal momento che il club è più consapevole della sostenibilità ora che ai tempi dei nostri nonni, i marchi di cosmetici hanno reagito... e alcuni di loro si sono spinti troppo oltre:

  • Spacciano parole come vegano, naturale o bio per 'sostenibilità'... quando non c'entra niente ...

  • Riempiono gli scaffali di slogan come tossico libero , cruelty free e senza conservanti o coloranti come gli yogurt, che non significano assolutamente niente

  • Annunciano in pompa magna che collaborano con i villaggi in Africa per coltivare ingredienti esotici... senza menzionare l'impatto ambientale dei raccolti o quanta CO2 viene spesa per trasportarli in Spagna...

  • Assumono il modello di e dicono che puliscono i mari... mentre spremono i loro fornitori fino a che non sono spremuti al 100% e senza capacità economica.

Dai…. tutti più difensori dell'ambiente di Greta Thunberg quando la giornata è trascorsa... e ottenendo lo stesso voto in "ecologia" della stessa Thunberg in selettività...

Con tutto quel trambusto, la banda si stanca e alza le sopracciglia 🤨

Ci sono studi che affermano che il 70% dei consumatori , come se non credessero del tutto che i marchi di cosmetici siano campioni di una causa sociale. #CiMeritiamo.

Il nostro rotolo: meno lilili, più lerele.
A Siwon diventiamo verdi

Smetterla di parlare degli altri... Come applichiamo allora la storia a noi stessi?

Non intendiamo dare lezioni a nessuno, solo dirvi come traduciamo 'sostenibilità' nella parte che ci tocca:

  • Sostenibilità è “boina” = fondamentale. Senza quello, non saremmo entrati nel mondo delle creme. È logico, ragionevole, normale. Né dà a hype su di esso oggi. È come se scendessimo in strada per proclamare che trattiamo bene la banda o che rispettiamo la legge... beh, non ci aspettiamo niente di meno, ehi

  • Abbracciamo la chimica verde : che riguarda più l'uso efficiente ed efficace delle risorse e la riduzione al minimo dei rifiuti intermedi nei processi di produzione... che grattare se un ingrediente è di origine naturale o chimica.

  • Comunicare senza sostanze tossiche. Non sono gli ingredienti che fanno male nei cosmetici, ma le parole fuorvianti. Per questo preferiamo raccontarvi le cose in modo semplice e ammettere, quando le abbiamo, le nostre cazzate.

  • Lavorare su un modello sostenibile a 360º. Perché un business... o è sostenibile... o non lo è. E sostenibile, per noi, implica denaro sul conto alla fine del mese... e anche fare le cose per bene (pagare i fornitori in modo equo, non infastidire il pianeta o nessun altro, compensare la nostra impronta di carbonio,...).

  • Praticare un edonismo responsabile. Perché siamo stanchi di stare male quando dimentichiamo il nostro sacchetto di peluche quando andiamo al supermercato. Crediamo che sia possibile fare un bagno o godersi la sensazione di una lozione senza doversi preoccupare di rovinare il Pianeta.

PS: sì, piantiamo alberi anche nei Picos de Europa per annullare la nostra CO2 e stiamo lavorando per rendere gli imballaggi sempre più sostenibili...

Ma oggi l'argomento andrà oltre i facili titoli dei giornali.

Se acquisti da noi, lascia che sia perché ne hai voglia... e dietro di noi faremo il necessario per espandere i punti positivi del karma fino in fondo.



Ci raffreddiamo bene,
Sivin

Related Posts

El #drama de las pieles grasas con brilli-brilli en la frente
El #drama de las pieles grasas con brilli-brilli en la frente
El #drama de las pieles grasas con brilli-brilli en la frente El #drama de las pieles grasas  con brilli-brilli en l...
Read More
Top 10 preguntas de los hombres sobre skincare
Top 10 preguntas de los hombres sobre skincare
Top 10 preguntas de los hombres sobre skincare Cómo nos rompen el hielo, cómo nos entran, qué nos dicen la primera...
Read More
Star Wars y cosmética
Star Wars y cosmética
Star Wars y cosmética Lo que Star Wars me enseñó sobre cosmética  La gente se marca bodas temáticas a lo Star War...
Read More